Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

 


Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2017-2018

Mercoledì, 22 Novembre 2017

Novità di questa campagna è l'affiancamento della vaccinazione antipneumococcica con quella antinfluenzale. Tale vaccinazione è soprattutto indicata nei soggetti ultrasessantacinquenni e in quelli affetti da patologie respiratorie e cardiache.

A Gonnosfanadiga sono stati individuati i giorni di giovedì 30 novembre 2017 e 14 dicembre 2017, dalle ore 8:30 alle ore 11:00.

(dal comunicato della ASSL)

20/11/2017 - Al via la campagna di vaccinazione antinfluenzale 2017-2018 che, per la situazione climatica e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia, vede come il periodo più indicato quello autunnale (metà ottobre-fine dicembre). Nonostante il vaccino antinfluenzale sia indicato per tutti coloro che desiderano evitare l’infezione e che non abbiano specifiche controindicazioni, l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione è indirizzata ai soggetti che, per le proprie condizioni personali, sono a maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso contraggano il virus. L’avvio della campagna (così come anche la modalità di distribuzione e somministrazione dei vaccini) non è uniforme sul territorio nazionale ma dipende da quando il vaccino viene reso disponibile alle singole Asl. Come indicato nella Circolare ministeriale del 31 luglio 2017 "Prevenzione e controllo dell'influenza- raccomandazioni per la stagione 2017-2018” la composizione del vaccino per la stagione in corso conterrà, secondo le indicazioni dell’Oms: una nuova variante dell’antigene analogo al ceppo A/Michigan/45/2015 (H1N1) (che sostituirà il ceppo A/California/7/2009); l’antigene analogo al ceppo A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2); e l’antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008 (linkage B/Victoria). La Circolare sottolinea, tuttavia, anche l’importanza di gesti semplici ma efficaci nella prevenzione influenzale (come il lavaggio delle mani e l’igiene respiratoria). È bene tenere presente che, siccome la protezione indotta dal vaccino comincia due settimane dopo l’inoculazione e perdura per un periodo di sei-otto mesi dopo i quali tende a declinare e poiché possono cambiare i ceppi in circolazione, è necessario sottoporsi a vaccinazione antinfluenzale all’inizio di ogni nuova stagione influenzale. Per approfondire consulta le pagine di EpiCentro dedicate alle: raccomandazioni del Ministero, alla composizione del vaccino stagionale e alle categorie a rischio per cui la vaccinazione è raccomandata.